Ab Urbe condita

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ab Urbe condita (disambigua).

L'espressione latina ab Urbe condĭta[1] ("da quando la Città è stata fondata") o Anno Urbis conditæ ("nell'anno dalla fondazione della Città") o anche solo anno Urbis, in sigla AUC, AVC, a.U.c. oppure AU, si riferisce ad un sistema di calcolo degli anni che prese piede tra i Romani a partire dalla fine del periodo repubblicano: gli anni venivano computati a partire dal 753 a.C., la presunta data che l'erudito Marco Terenzio Varrone aveva stabilito ai tempi di Giulio Cesare per la fondazione di Roma, l'Urbe, "la Città" per eccellenza.

Questo computo era più diffuso in ambienti dotti che nella realtà popolare, dove, per misurare gli anni, era preferito l'uso di eponimi con il nome dei due consoli in carica (e questo uso rimontava agli inizi dell'età repubblicana). La cosiddetta "data varroniana" era stata ricavata fissando al 509 a.C. il primo anno della Repubblica e attribuendo 35 anni di regno a ciascuno dei sette re di Roma[2].

La storiografia moderna nega la fondazione della città come atto volontario, privilegiando invece l'ipotesi della progressiva riunione di villaggi pre-urbani sparsi, con un fenomeno di aggregazione urbana ricordato nei miti sulla fondazione stessa e nelle vicende dell'età regia.

  1. ^ Dal latino condo, 'io fondo'.
  2. ^ Giovanni Geraci e Arnaldo Marcone, Storia romana, Le Monnier Università, Firenze 2004, p. 1. ISBN 88-00-86082-6

Ab Urbe condita

Dodaje.pl - Ogłoszenia lokalne