India

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi India (disambigua).
India
India – Bandiera India - Stemma
(dettagli) (dettagli)
(HI) सत्यमेव जयते
(IT) La verità sola trionfa
India - Localizzazione
In verde scuro i territori controllati dall'India, in verde chiaro i territori rivendicati ma non controllati.
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica dell'India
Nome ufficiale (EN) Republic of India
(HI) भारत गणराज्य
Lingue ufficiali hindi e inglese[1] (a livello nazionale)
e ventuno lingue a livello regionale[2]
Capitale Nuova Delhi  (28 513 682 ab. / 2017)
Politica
Forma di governo Repubblica parlamentare federale[3]
Presidente della Repubblica Ram Nath Kovind
Primo ministro Narendra Modi
Indipendenza dal Regno Unito, il 15 agosto 1947[4]
Proclamazione 26 gennaio 1950[5]
Ingresso nell'ONU 30 ottobre 1945 (membro fondatore come impero anglo-indiano)
Superficie
Totale 3 287 263 km² ()
% delle acque 9.6%
Popolazione
Totale 1 390 456 911[6] ab. (10-04-2021) ()
Densità 464 ab./km²
Tasso di crescita 0,99% (2020)
Nome degli abitanti Indiani
Geografia
Continente Asia
Confini Pakistan, Cina, Nepal, Bhutan, Bangladesh, Birmania
Fuso orario UTC+5:30
Economia
Valuta rupia indiana
PIL (nominale) 2 716 746[7] milioni di $ (2018) ()
PIL pro capite (nominale) 2 036[7] $ (2018) (143º)
PIL (PPA) 10 505 288[7] milioni di $ (2018) ()
PIL pro capite (PPA) 7 873[7] $ (2018) (122º)
ISU (2015) 0,624 (medio) (131º)
Fecondità 2,2 (2016[8][9])
Varie
Codici ISO 3166 IN, IND, 356
TLD .in
Prefisso tel. +91
Sigla autom. IND
Inno nazionale Jana Gana Mana[10]
Festa nazionale 26 gennaio
India - Mappa
È uno dei 51 Stati che hanno dato vita all'ONU nel 1945.
Evoluzione storica
Stato precedente India Dominion dell'India
Flag of France (1794–1815, 1830–1958).svg Insediamenti francesi in India
Flag of Portugal.svg India portoghese
Flag of Sikkim (1967-1975).svg Regno del Sikkim
 

L'India (in hindi: भारत, Bhārat), ufficialmente Repubblica dell'India (in hindi: भारत गणराज्य, Bhārat Gaṇarājya), è uno Stato federale dell'Asia meridionale, con capitale Nuova Delhi. Con 3287263 km², l'India è il 7º stato del mondo per superficie mentre, con circa 1 miliardo e 390 milioni di abitanti, è il 2º più popoloso dopo la Cina[11].

È bagnata dall'Oceano Indiano a sud, dal Mar Arabico a ovest e dal Golfo del Bengala a est, possiede una linea costiera che si snoda per 7517 km.[12], e confina con il Pakistan a ovest[13], Cina, Nepal e Bhutan a nord-est, Bangladesh e Myanmar a est. Suoi vicini prossimi, separati dell'Oceano Indiano, sono lo Sri Lanka a sud-est e le Maldive a sud-ovest. Possiede una ricchissima diversità vegetale e animale e numerosi habitat protetti.

Sede della civiltà della valle dell'Indo e regione di rotte commerciali storiche e di vasti imperi, il subcontinente indiano è stato identificato con il suo commercio e la ricchezza culturale per gran parte della sua lunga storia.[14] Quattro grandi religioni del mondo (il buddismo, l'induismo, il giainismo e il sikhismo) sono nate qui, mentre lo zoroastrismo, l'ebraismo, il cristianesimo e l'islam vi arrivarono entro il I millennio d.C., dando forma nella regione a una grandissima diversità culturale, espressa specialmente dal Sultanato di Delhi, dall'Impero Moghul, dall'Impero di Vijayanagara e dall'Impero maratha.

Sotto il regno dell'imperatore Aurangzeb, l'India è stata l'economia più forte e produttiva del mondo, valendo un quarto (25%) del PIL mondiale,[15] con un'entrata annuale dieci volte di più dell'Impero francese.[16] Gradualmente annessa alla Compagnia britannica delle Indie orientali dai primi decenni del XVIII secolo e colonizzata dal Regno Unito dalla metà del XIX secolo, l'India è diventata un moderno stato nazionale nel 1947, dopo una lotta per l'indipendenza che è stata caratterizzata da una diffusa resistenza non violenta guidata da Gandhi.

L'India è la settima più grande economia del mondo in termini nominali e la quarta in termini di potere d'acquisto. Riforme economiche hanno trasformato lo stato nella seconda economia a più rapida crescita[17] (è uno dei cinque Paesi a cui ci si riferisce con l'acronimo BRICS)[18]. La società indiana è multilingue, multietnica e caratterizzata da uno storico pluralismo religioso. Nonostante ciò, il paese soffre ancora di alti livelli di povertà, analfabetismo (143°) e malnutrizione, oltre ad avere un sistema sociale basato sulle caste ancora influente benché sia stato ufficialmente abolito nel 1947, anno in cui l'India ha ottenuto l'indipendenza.

  1. ^ Come “lingua ufficiale sussidiaria”
  2. ^ Ovvero: l’Assamese, il Bengalese, il Bodo, il Dogri, il Gujarati, il Canarese, il Kashmiri, il Kokborok, il Konkani, il Maithili, il Malayalam, il Manipuri, il Maharashtra, il Lushai, il Nepalese, l’Orya, il Pangiabico, il Sanscrito, il Santali, il Sindhi, il Tamil, il Telugu e l'Urdu, nonché alcune lingue di eredità coloniale come il Portoghese e il Francese.
  3. ^ India at a Glance, su india.gov.in, National Informatics Centre (NIC). URL consultato il 7 dicembre 2007 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2007).
  4. ^ Guruprasad's Portal, Why midnight of 15 August 1947 for Indian Independence, su guruprasad.net. URL consultato il 7 agosto 2014.
  5. ^ Nascita della Repubblica
  6. ^ worldometers.info, https://www.worldometers.info/world-population/india-population/.
  7. ^ a b c d (EN) World Economic Outlook Database, April 2019, su IMF.org, Fondo Monetario Internazionale. URL consultato il 16 maggio 2019.
  8. ^ (EN) Tasso di fertilità nel mondo, su data.worldbank.org. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  9. ^ Massimiliano Livi Bacci, L'India dal 2024 sarà il paese più popoloso del mondo, ma la natalità è in declino - L’indagine sulla fecondità del 2015-16, su neodemos.info, 11 maggio 2018.. Fonte: l’indagine NFHS-4 del 2015-16 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2019).
  10. ^ Inno nazionale, su india.gov.in, National Informatics Centre (NIC), 2007. URL consultato il 31 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2007).
  11. ^ worldometer India, su worldometers.info.
  12. ^ Kumar, V. Sanil; K. C. Pathak & P. Pednekar et al. (2006), Current Science 91 (4): 530-536, Coastal processes along the Indian coastline (PDF) (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2009).
  13. ^ Nota: Il governo indiano considera anche l'Afghanistan uno stato confinante, in quanto ritiene che l'intero stato del Jammu e Kashmir appartenga all'India, compresa la parte in territorio pakistano, che confina appunto con l'Afghanistan.
  14. ^ Phillip Oldenburg, India: History, 2007 Microsoft(r) Encarta(r) Online Encyclopedia 2007 (c) 1997-2007 Microsoft Corporation., su encarta.msn.com. URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2009).
  15. ^ Angus Maddison (2003): Development Centre Studies The World Economy Historical Statistics: Historical Statistics., OECD Publishing, ISBN 9 264 104143, pp. 259–261
  16. ^ Lawrence E. Harrison, Peter L. Berger, Developing cultures: case studies, Routledge, 2006, p. 158, ISBN 978-0-415-95279-8.
  17. ^ L'India è la seconda economia a più rapida crescita, su ers.usda.gov, Economic Research Service (ERS) (United States Department of Agriculture - USDA). URL consultato il 5 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2011).
  18. ^ Relazione della banca di investimenti Goldman Sachs del 2003: Dreaming with BRICs: The Path to 2050, su www2.goldmansachs.com. URL consultato il 22 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2007).

India

Dodaje.pl - Ogłoszenia lokalne